Pill 206

LO SPECCHIO DI NILGUN

Ieri ho scritto il mio testamento. Ho annotato che i miei occhi non andranno a nessuno. E ho anche scritto: sono nata vecchia (ho contato novecentotrentasei rughe sulla mia carcassa). Non ho mai imparato a giocare con i bambini del mio quartiere, e sono sempre stata un peso per me stessa. Non sono degna del nome che mio padre, dopo aver a lungo riflettuto, mi ha scelto. Ho scritto: il mio cuore è un tamburo folle che batte da solo (Bum! Bum! Bum!), in ore improbabili. Il mio cuore, che batte da solo, mi sveglia ininterrottamente per paura che io possa dimenticarlo nel sonno, come una madre abbandonerebbe suo figlio nella folla, per scomparire...

Per questo, lascio in eredità a mia sorella piccola il mio vestito da sposa (è nuovo: c'è ancora il prezzo). Le lascio anche un pugno di sabbia del deserto del mio animo, e la mia bambola Dunia alla quale, un giorno, ho staccato la testa (perché rifiutò - esattamente come mia madre - di dirmi che mi amava). E le offro il freddo che sento ogni volta che esco da me stessa per andare verso gli altri.
Ma no, non lascerò in eredità a nessuno i miei occhi:
Perché 
            Dai
                   Miei
                           Occhi
                                     Io
                                         Salterò
                                                     Per
                                                           Scappare.

(Joumana Haddad - Adrenalina, pag. 13. Edizioni del Leone)

Nessun commento: