Pill 182

A proposito di Sybil di Daniel Petrie, 1976, con Sally Field e Joanne Woodward.

Lungo e intenso, con alcuni momenti riuscitissimi. Il rapporto con la terapeuta descritto in maniera calda, pulita. Poco spazio alle tenebre, eppur presenti. Le tenebre della Sinfonia n° 9 in Mi minore
di Dvořák, di una madre pazza furiosa. E poi parlare, raccontare, 11 anni di terapia, e uscirne liberi e poter esclamare: “Ce l'ho fatta! Sono guarita!”. Così difficile. Però possibile. Ascoltare ed accogliere. 
Infine la bellezza di Richard (un Brad Davis agli esordi), il cui amore va oltre la malattia. Toccante.


Nessun commento: