Envy - all the footprints you've ever left and the fear expecting ahead (2001)

all the footprints you've ever left and the fear expecting ahead è il secondo full-length dei giapponesi Envy e segna un passo in avanti notevole nella stesura dei brani e nella qualità della proposta del gruppo.
Non emana più il fetore di quell'hardcore stereotipato di cui è impregnata la produzione precente (anche se From here to eternity è un disco dignitoso): trame articolate, padronanza tecnica degli strumenti così come del dosaggio di malinconia corrisposta ad una violenza sonora mai paga. Dannatamente screamo con un Tetsuya Fukagawa sugli scudi. Ci si abitua più difficilmente ai rari ma pur presenti inserti di voce pulita. Testi in giapponese ma sul booklet sono riportate le traduzioni in inglese. Le espressioni di Fukagawa appaiono profonde e sentite.
Ritengo che questo sia il miglior disco della loro produzione: pesante e veloce ma ricco di spunti melodici e arpeggi sempre misurati. Spesso la quiete segue la tempesta, e viceversa, senza banalità o compiacimento. Brani come Left hand o Invisible thread mi rimandano addirittura al contemporaneo Jane Doe dei Converge. Gli Envy sono meno contorti e più spinti verso una dimensione eterea del suono. Fanno capolino le prime schitarrate post-rock (caratteristica predominante negli ultimi due album).
Mystery peace, Lies and release from silence, la citata Invisible thread e A cage it falls into sono i pezzi che preferisco, ma contrariamente ai dischi seguenti non riesco ad individuare momenti meno riusciti.

The light of my footprints

On this road I have tormented
as I came, I crouch carrying grudge
This foot passed away in comfort
deprived in all it has learned
Ahead of where I tumble I seize the light
I found. Whet it sharp and hide it in
the dark of tomorrow

The trails I stepped on were erased
with lies at once give away
indiscriminately then lose heart
At the place you wait,
no one can stop anymore
All is now and you'll be frightened alone
Let it loose infinitely
What I expect had been manufactured
into a different shape
No need to suffer anymore

No need to suffer anymore
You don't need to cry
No need for grief
There is nothing you can do alone now

Mercy songs I kept screaming
I hold it and put it back to the ground
Sometimes I feel uncertain about living
Tell countless lies without leaving anything
Scrape the loneliness off as much as
I can while it's cloudy outside

Sins on my both hands,
punishment to my mind,
I taste fully and shoot them to the sky
I'm certainly powerless, I'm not worth and
I turn my back even on laughings
Authentic words filled up
in my hand are old now
Can't stop them
Nothing more to lose
I line up without breaking a line of era

Nessun commento: