Pill 22

Onirica

Angeli di sabbia
avvolti nella nebbia
si risvegliano secchi, accecati:
...io mi risveglio con loro.

La mia languida voce pigra risuona
al di sopra del vento,
sempre forte,
...sempre.

In lontananza...
Un mare di acque sonnambule, assenti.
Onde di silenzio insonne.
Era tardi,
troppo tardi per camminare.

In lontananza...
Suppliche di dèi reclusi,
ombre di aria soffocante.
È stato breve,
a volte troppo breve per me.

In lontananza...
La mia vita.


(Marcelo Rodriguez - Traduzione a cura di X)

Nessun commento: