Skepticism - Lead & Aether (1998)


Dopo Ethere il percorso musicale degli Skepticism prosegue secondo un percorso uniforme. Le ultime note di Chorale sono le stesse di THE ORGANIUM (il titolo figura in stampatello), l’opener di questo secondo full-length.
La band nel MCD precedente ha già introdotto frammenti acustici e un utilizzo più marcato dell’organo, oltre ad alcune note di basso.
Considero Ethere molto più che una semplice anticipazione, e preferisco The March and the stream e Aether nelle loro versioni originali, piuttosto che in quelle registrate per questo disco. Piccola variazione sul piano compositivo per The March and the stream: all’intermezzo di piano della versione apparsa su Ethere qui corrisponde un breve stacco di chitarra solista.
Booklet corposo come sempre esaustivo dei testi. Sono presenti anche le immagini sbiadite dei musicisti (alla stregua di quelle apparse per Turn loose the swans dei My Dying Bride).
A parte The falls, non mi sono mai appassionato più di tanto agli altri brani inediti di questo album. Preferisco ascoltare i primi due lavori del gruppo.

Nessun commento: