Pill 13




Riascoltando Scum dopo tanti anni un fremito incontrollabile e vertiginoso mi ha assalito.
Ricordo una sera nei primissimi anni ’90 in cui C. portò dai cugini la musicassetta.
Ascoltammo sbalorditi la prima manciata di pezzi, con quella faccia da “Che cazzo sta succedendo??”.
Era talmente imbarazzante. Era la follia in musica.
La sensazione era che non riuscissi ad entrare in un brano poiché venivi immediatamente spazzato via da quello successivo.
Era come se fosse un solo brano schizzatissimo in 28 frammenti.
Non ho ascoltato più quella musicassetta fino alla fine degli anni ’90.
Quando l’ho riaffrontata, la medesima tempesta emozionale mi ha aggredito.
Solo allora ho cominciato a esplorare chi c’era dietro quei suoni: un gruppo di ragazzini di nome Bill Steer, Justin Broadrick e Lee Dorrian (e l'artwork è di Jeff Walker).
Ho cominciato in quel periodo ad ascoltare i Godflesh e a riascoltare i Carcass. Ho ripreso in mano un disco come Fear, emptiness, despair (del ’94, con la formazione definitiva e storica dei Napalm Death), e sono impazzito per il demo dell’89 dei Cathedral, In memorium.
Cosa ha spinto Lee Dorrian a passare nel giro di pochi mesi (un’accesa discussione col manager dei Napalm Death durante un tour mondiale nel 1989) da un estremo all’altro della ritmica?
Steer e Broadrick sono sempre stati avanti. Penso che Scum oggi conservi intatto quel moto di ribellione che li ha sempre contraddistinti e che è la pulsione del loro estro.
Un disco come questo è inossidabile ancora oggi a distanza di quasi 25 anni. Impossibile prenderlo sul serio!
Come era buffo allora e come lo è adesso. Ma abbiamo mai ascoltato qualcosa di questo tipo in tutti questi anni? I miliardi di gruppi grind che sono proliferati da quel giorno (1° luglio 1987) cosa ci hanno regalato di più? A me nulla.
Ho linkato The kill a R. e a C. Stesse considerazioni di allora.
Un sorriso e un moto di nostalgia ci ha invasi e accomunati per 23 secondi, ripensando a quella sera indimenticabile, riunendoci a distanza di migliaia di chilometri.

Nessun commento: