Cardinal sin - Spiteful intents (EP 1996)



16 minuti. E' quanto è bastato ai Cardinal Sin per generare un fenomeno di Culto.
Perchè 'Spiteful Intents' (per la Wrong Again Records - WAR 010) è una delle massime espressioni di un incrocio di generi, quello tra il death metal e il black metal, generato e praticamente avvizzito attorno a pochi esponenti della scena estrema svedese degli anni '90.

Nell'artwork figurano cinque musicisti, ma nelle note si scopre che in realtà 'Spiteful Intents' è suonato da tre soli elementi:

John Zwetsloot
Jocke Göthberg
Magnus "Devo" Andersson

Vi dicono qualcosa?

John Zwetsloot, musicista geniale e personaggio controverso, membro originario dei Dissection, ha disegnato alcuni tra i riff più noti di quella generazione musicale di Dissection, Vinterland, Sacramentum, Dawn, Naglfar: 'Black Horizons', 'Night's blood', per citare i più celebri.
Dopo l'epurazione dai Dissection nel 1994 (ne parleremo per 'Storm of the light's bane') ha formato i Cardinal Sin. E' lui il principale artefice del progetto, responsabile di 3/4 dei brani e della maggior parte delle linee di basso (suonato peraltro egregiamente).

Jocke Göthberg e Magnus "Devo" Andersson hanno suonato, tra gli altri, in 'Those of the Unlight' (1993) dei Marduk.

E' come se i Dissection incrociassero i primi Marduk, verrebbe da pensare. E' vero in parte. I brani di Zwetsloot hanno molte affinità con 'The Somberlain', effettivamente.
La precisazione necessaria è che questo MCD è sbilanciato verso un'ispirazione più death-metal e melodica rispetto a quanto si potrebbe presupporre da una semplice addizione Dissection + Marduk.

Stupisce soprattutto 'Probe with a quest', brano concepito da "Devo" Andersson, che suona molto heavy-metal, specie nel fraseggio centrale di chiaro stampo 'maideniano'. Eppure la strofa cantata ricorda moltissimo uno dei riff finali di 'Retribution - Storm of the light's bane' dei Dissection, registrato pochissimi mesi prima!

Anche Zwetsloot è un grande estimatore dei Maiden, oltre che di band thrash-metal degli anni '80, come Slayer e Coroner. Come in 'The Somberlain' ripropone oltretutto alcuni frammenti acustici.

Il brano che catalizza maggiormente l'attenzione è indubbiamente 'Spiteful Intent', che racchiude tutte le qualità dell'espressione musicale dei Cardinal Sin.

Questo MiniCd testimonia che la grandezza dei primi due dischi dei Dissection non è da attribuire esclusivamente all'estro di Jon Nödtveidt.

A voi il piacere.

Download

Nessun commento: