Il margine (di Walerian Borowczyk, 1976)


Adoro 'il margine' pur nei suoi enormi difetti. Un film amaro, forte (ma non abbastanza) nei contenuti ma così delicato nel gusto formale. Un quadro in movimento di un regista che cominciava ad accusare i primi segnali di decadimento dopo il grandioso e meritato successo del suo miglior film ('La bestia'). Anche questo film rischia di cadere spesso più nella provocazione e nel compiacimento quasi dimenticando i risvolti psicologici del protagonista, che sembrano inizialmente interessare. Sigimond giura fedeltà, sappiamo che qualcosa è dietro l'angolo: la mancanza di godere del vero senso della libertà si trasforma in noia, e la trasgressione è dietro l'angolo. La lettera che riceve sulle sorti di sua moglie e suo figlio, che qui non rivelo, lo spingono a darsi un margine (da qui, presumo, il titolo) di tempo in cui collocare il proprio senso di colpa. Continuare il proprio atto infedele sopprime la coscienza o rischia di esasperare il proprio senso di colpa? Ovviamente c'è una risoluzione plausibile, ma manca quasi del tutto, da un momento in poi, l'interiorizzazione del protagonista. Non di certo aiutato da uno spentissimo e monoespressivo Joe Dallesandro, il film non decolla. Ma che bella e sensuale Sylvia Kristel: il suo personaggio finisce per risultare il più uniforme, e il finale eloquente sulla routine del suo mestiere che l'ha preservata da un coinvolgimento affettivo al punto da rinvigorire un circolo infinito, getta nuova luce sulle ambizioni del film, ossia di divaricare in misura decisamente netta i due mondi morali e psichici dei protagonisti. Alla fine resta tuttavia superficialmente un film di indubbia eleganza, tra sequenze erotiche molto belle, su un taciturno legame che si crea apparentemente per passione ma a volerlo indagare per uno (Sigimond) è il perpetuare di un atto di cui egli cerca una sorta di consacrazione morale che possa giustificarlo ai suoi stessi occhi, per l'altra (Diana) è la possibilità di accumulare compensi sempre maggiori. Il fine utilitaristico in questo caso del sesso, almeno quello, attraverso delle sequenze erotiche così orchestrate, è rappresentato con ineccepibile correttezza. La colonna sonora è meravigliosa, tuttavia non tutti i brani sono collocati nei momenti giusti (non era proprio il caso di inserire "Shine on you crazy diamond" nel momento in cui è stato fatto).

Nessun commento: