Don't look now - A Venezia... un dicembre rosso shocking (di Nicholas Roeg, 1973)


Un film geniale di un regista straordinario. I film di Roeg non sono semplici da assimilare in toto, orchestrati come sono, tra elementi della sceneggiatura spesso volutamente ridondanti, grandi invenzioni visive e parallele alla realtà, particolari da adocchiare sparsi qua e là che non sempre si ricongiungono per formare un quadro integro.
'Don't look now' è un'opera spiazzante, un giallo parapsicologico dal ritmo in perenne ascesa fino ad una parte finale che è gioia per gli occhi.
Ambientato in una Venezia suggestiva, sullo sfondo di una catena di omicidi, trae vigore dalla incomprensibilità delle premonizioni e degli eventi, nonchè dal mistero che avvolge i suoi personaggi (anche se è il meno scolpito, quello del vescovo è il mio preferito).
Ottimo il cast tra cui spunta persino il mitico Robertino di 'Ricomincio da tre' nel ruolo dell'ispettore.

Nessun commento: