Evereve - Seasons (1996)




Nel '96 uscì 'elegy' e tanti idioti accusarono gli Amorphis di essere diventati dei fighetti, ma era il periodo più prolifico per le aperture mentali. La Nuclear Blast una volta aveva orecchio, lanciava band eccellenti senza cavalcare nessuna onda. In Germania giravano i Crematory col loro gothic metal ridicolo (dopo i primi due decenti album) ed ecco spuntare 'Seasons', passato un pò in secondo piano nonostante un tour di successo con gli Amorphis (che ha toccato anche l'Italia). Questo album non è semplice da assimilare, e ne è un limite solo apparente, mentre in definitiva ne costituisce un pregio incalcolabile. Da una parte i residui doom della vecchia formazione ('Autumn Leaves', parti di 'Untergehen und Auferstehen' che ha una parte finale di basso strepitosa), dall'altra le diverse influenze dal gothic, al doom, a qualche refrain molto catchy ('the bride wears black', l'opener perfetta!). Tutto ciò di base. Ciò che permette il salto di qualità sono i due chitarristi capaci di suonare melodie ricercate, di comporre ritmi su scale diverse, e in cui s'intreccia sempre magnificamente il lavoro altrettanto personale del tastierista/pianista. Ne vien fuori un risultato molto melodrammatico e teatrale, per me sempre estremamente emozionante, a cui aggiunge pathos l'incredibile prestazione di Tom Sedotschenko, capace di passare a seconda degli 'stati' musicali dallo screaming al growl, ad un pulito profondo ed enfatico. E' un concept sulle stagioni, ai cui colori e sensazioni la musica si adatta di conseguenza. Non si parla di morte, ma di sensazioni in riferimento alla vita. Questo è ciò che diceva Tom in un'intervista ed è fondamentale ai fini di una lettura del seguente 'Stormbirds' in cui gli interrogativi del cantante si sposteranno su altre riflessioni (morte, liceità del suicidio), sfortunatamente messe in atto solo un anno più tardi.

Searching for answers, my mind`s all deceit.
With myself torn to fragments, my life means defeat.
Where is my saviour?
Why did he leave me alone?

Nessun commento: