Gorefest - Erase (1994)





'Erase' non è death metal tout court. Il disco ha introdotto degli elementi di novità, rompendo definitivamente col death metal 'classico'. Ritmi morbosamente rallentati, una sterzata decisamente groove in cui Bonebakker può scatenare ripetutamente i suoi inserti solisti, che sono una delle note più sensazionali dell'album. Poi un certo approccio melodico anche, perchè no (soprattutto 'I walk my way'). Ed Warby per me esegue la sua prova migliore. C'è chi accusa il disco di essere 'smorto'. Può darsi che ad una prima impressione se si è abituati a pensarlo come un disco death metal, esso possa apparire monolitico e pesante. Il segreto invece credo sia nel pensarlo come è realmente, con un orecchio distante, aperto a qualcosa di diverso, molto catchy in certi punti, ma non dimentichiamo la furia assassina di 'peace of paper', ad esempio. 'Goddess in black' nella sua estenuante lentezza è un gioiello, perchè si risolve nella parte finale non con un'accelerazione canonica, brutale, ma con un assolo trascinante di Bonebakker accompagnato dal sempre più perfezionista trio ritmico (Ed Warby, mi ripeto, ancora una volta sublime).
L'apripista 'low' fà subito intendere il cambiamento del gruppo, la conclusiva 'To hell and back', la già citata 'pace of paper' e 'erase' sono le mie preferite. La groovy 'fear' è l'altro videoclip estratto dal disco, un brano solido e ritmato, che sulla scia dei successi (perchè 'Erase', trascinato da una promozione poderosa da parte della Nuclear Blast, ha venduto moltissimo) è stato poi trasformato in un EP con l'aggiunta di qualche brano live. 'I walk my way' era una delle mie preferite una volta, ma ultimamente è quella che accantono maggiormente, sinceramente.
Jan-Chris persiste nel songwriting a puntare il dito sui suoi bersagli preferiti (vedi 'False'), in una prospettiva un pò più anarchica.
Gli aspetti negativi? la copertina e il fatto che per leggere i testi dal booklet bisogna inclinare continuamente la testa fino a venirne fuori con un gran torcicollo.
Non saprei scegliere davvero su quale disco preferire della band, ma probabilmente è proprio questo.

Se leggete questo blog, dovete vedere il video di Erase almeno una volta nella vita:


Erase


Sanity and insanity
Go together hand in hand
But never be afraid
On which side of the line you stand
Take the power to get in control
It's you that rules your life
Break down the walls that are surrounding you
Be strong and change your life
Erase - The rules that are set there to keep you down
Break down - The chains that keep you to the ground
Erase
Erase - And follow me to where the real fun is
It is not a shame to be called insane
And to go against, against the grain
Demand the right to set your own rules
Not to walk the path of those who are lame
Erase - The rules that are set there to keep you down
Shout out - Your discontent, let your voice be heard
Erase
Erase - And follow me to where the real fun is
Do not adapt to others
Just be one with yourself
And walk with me equally
Erasing false mentality


Nessun commento: